Codice Etico - RUGBY X ROMA

Vai ai contenuti
Codice Etico
 
Le radici della Rugby x Roma si basano un concetto per noi fondamentale, che va ben oltre gli obiettivi tecnico sportivi, ovvero che  la visione dell’attività sportiva ad ogni livello di gioco è finalizzata in direzione degli aspetti educativi, e non solo a quelli ludico, motori e agonistici.
Siamo infatti coscienti della grande responsabilità che ci compete: obiettivo primario è far vivere questo straordinario sport trasmettendone i fondamentali ed essenziali valori, quali la lealtà, lo spirito di sacrificio, il sostegno verso gli altri, e la determinazione necessaria per raggiungere gli obiettivi, tenendo sempre presente il rispetto delle regole.
Crediamo che il rispetto per le regole, i compagni e gli avversari, sia il primo passo verso lo sport, che diventa così condivisione e divertimento.
Con questa premessa relazioniamo gli obiettivi tecnico sportivi, di educazione allo sport e le metodologie di approccio al gioco del Rugby in funzione delle varie categorie e livelli.
Obiettivo tecnico sportivo
 
 La Rugby x Roma si mette a disposizione di tutti coloro che intendono praticare lo sport del Rugby, purché questi accettino di rispettare le decisioni dei coach e le regole del nostro club.
Il nostro direttore tecnico definisce l’obiettivo tecnico sportivo, che sarà praticato in funzione delle diversa categorie di atleti, al fine di praticare e promuovere questo fantastico sport a livello dilettantistico per raggiungere il più alto livello possibile rispettando sempre le regole del gioco.
Obiettivo educativo
 
 La Rugby x Roma chiede ai propri atleti, allo staff tecnico e alle famiglie, la presa visione delle regole della nostra ASD, nonché il tassativo rispetto, in quanto sarà per noi oggetto di particolare attenzione ai fini educativi, sanzionando e/o allontanando coloro che abbiano comportamenti non consoni.
Regolamento Atleti Categorie Giovanili E Seniores
  
1.      I nostri atleti devono improntare un onesto e rispettoso comportamento nei confronti della ASD, dei compagni, degli avversari, dell’arbitro e dello staff tecnico al fine di onorare e condividere l’attività rugbystica, acquisendo così i valori fondamentali nello sport e nella vita quotidiana, evitando quindi tutti quei comportamenti che possano compromettere, offendere e/o mettere a rischio la salute degli altri;
 
2.      Tutti i nostri atleti, in particolar modo i partecipanti alla categoria senior (soprattutto se convocati in serie C),  devono frequentare con continuità i vari corsi ed impegnarsi nelle fasi di gioco e negli allenamenti, rispettando le istruzioni tecniche dettate dai propri coach. Si richiede quindi di osservare e rispettare gli orari degli allenamenti, delle partite e soprattutto di partecipare con costante assiduità a tutte le gare, allenamenti e manifestazioni promosse dalla Rugby x Roma.
 
3.      Indicare tramite gli strumenti messi a disposizione dalla Rugby x Roma “gruppi Whatsapp”  la propria disponibilità in occasione dei raggruppamenti, gare, tornei, manifestazioni varie. Inoltre per le categorie senior maschile e femminile è richiesta tale indicazione anche per le sedute di allenamento;
 
4.      Non assumere sostanze stupefacenti, psicofarmaci e, comunque, sostanze che riducano la capacità di vigilanza e controllo, né tantomeno sostanze che vadano in contrasto con le normative anti-doping;
 
5.      In tutte le manifestazioni di gioco a partire dagli allenamenti gli atleti della Rugby x Roma sono tenuti ad indossare gli indumenti forniti dal Rugby x Roma, nonché di custodirli con diligenza;
 
6.      Gli atleti devono evitare qualsiasi comportamento che possa essere in contrasto con il presente Regolamento o che possa compromettere l’immagine Rugby x Roma e dei nostri sponsor;
 
7.      Si richiede il massimo rispetto evitando atteggiamenti irriguardosi, in campo ed anche nei vari Social Network nei confronti dei giocatori, dirigenti, allenatori, arbitri ed avversari;
 
8.      Saldare con puntualità le quote sociali, in quanto i ritardi o mancati incassi mettono in seria difficoltà le attività promosse dalla Rugby x Roma nonché il corretto svolgimento dei corsi e della vita sportiva;
 
9.      Consegnare con opportuno anticipo i moduli di iscrizione correttamente compilati, la privacy, i documenti, e il certificato di sana e robusta costituzione.
Regolamento Coach
 
1.      Ogni coach della Rugby x Roma è tenuto a conoscere e rispettare le direttive e il progetto tecnico indicato dal  nostro responsabile e/o direttore tecnico;
 
2.      I coach e i relativi assistenti  sono tenuti a presentarsi sul campo di gioco sia in fase di gare che di allenamento con un minimo di 30’ di anticipo rispetto all’orario d’inizio delle attività o gare, nel caso delle sedute di allenamento è fondamentale per preparare il materiale e gli esercizi da svolgere;
  
3.      Il Coach e relativo assistente deve portare e riconsegnare in ottimo stato, possibilmente facendo interagire in questo compito i propri atleti, il materiale tecnico necessario messo a disposizione dalla Rugby x Roma (palloni, coni, scudi ecc.) in caso di ridotta disponibilità del materiale segnalare tale mancanza ai dirigenti e/o responsabili di campo;
 
4.      È compito dei coach della Rugby x Roma segnare con costanza le presenze dei propri atleti nelle fasi di allenamento e di gare tramite gli appositi moduli consegnati dalla società. Ogni fine mese questi moduli devono essere consegnati al direttore tecnico;
  
5.      I Coach della Rugby x Roma non sono tenuti a dare spiegazioni delle scelte tecniche dei giocatori da impiegare in partita a dirigenti, giocatori e genitori, salvo un educato e costruttivo confronto;
  
6.      I coach, assistenti, dirigenti, e preparatori atletici devono tassativamente attenersi al presente regolamento;
 
7.      I coach e preparatori atletici devono relazionare ogni mese il lavoro svolto nel periodo, sottolineando eventuali progressi o problematiche incontrate. E’ inoltre opportuno indicare il programma da svolgere nel mese successivo. Queste relazioni tecniche vanno consegnate insieme ai moduli di presenza al direttore tecnico.
Regolamento genitori Categorie mini rugby
 
1.      Invitiamo tutti i genitori del Mini Rugby a leggere e rispettare le indicazioni del presente regolamento;
 
2.      I Genitori degli atleti devono accompagnare i bambini presso lo spogliatoio della Rugby x Roma, possibilmente con un minimo di anticipo rispetto all’orario  di inizio delle sedute di allenamento. E’ inoltre di fondamentale importanza recarsi sempre con congruo anticipo per riprenderli al termine delle sedute di allenamento presso il medesimo spogliatoio, e non sarà consentito ai ragazzi di allontanarsi dall’impianto sportivo se non accompagnati da un adulto.
 
3.      La Rugby x Roma è lieta ed orgogliosa della presenza dei genitori durante gli allenamenti e durante  le partite: ci aspettiamo dai genitori un caloroso sostegno sia ai propri ragazzi sia agli avversari; non sono invece ammessi comportamenti antisportivi o scorretti  ne tanto meno l’utilizzo di parole offensive o che possano ledere la sensibilità degli altri (atleti, pubblico arbitro).
 
4.      E’ assolutamente vietato ai Genitori l’ingresso nel terreno di gioco sia durante gli allenamenti sia durante le partite.
 
5.      I Genitori sono tenuti ad indicare, tramite gli strumenti messi a disposizione dalla Rugby x Roma “gruppi Whatsapp”  la disponibilità dei propri ragazzi in occasione dei raggruppamenti, gare, tornei è manifestazioni varie, nonché eventuali ritardi alle sezioni di gioco.
 
6.      I Genitori sono pregati di segnalare con congrua tempestività  al coach, al Direttore Sportivo o al Presidente eventuali atti di “bullismo” dei quali sono venuti a conoscenza e che dovessero malauguratamente verificarsi durante l’attività rugbystica. I Genitori sono inoltre tenuti a far leggere ai propri ragazzi e di condividere con loro il seguente il documento “BULLISMO, NO GRAZIE”.
Bullismo? No, grazie
  
Fuori i Bulli
La Rugby X Roma non ammette atti di bullismo: chiunque compia atti di bullismo sarà espulso dalla Rugby X Roma.
  
Tutela è un diritto
Se ti senti bullizzato, chiedi aiuto al coach, ai dirigenti oppure ad un genitore: questo non vuol dire fare la spia, al contrario stai tutelando un tuo diritto.
 
Divertiamoci tutti insieme
Giocare scherzare e ridere è bello, l’importante è che ci divertiamo tutti insieme, soprattutto evitando di insultare, umiliare o prendere in giro gli altri.
 
No alla Violenza
E’ assolutamente vietato picchiarsi o comunque utilizzare violenza sugli altri: tutto si può risolvere con un educato confronto verbale.
Sostegno
È uno dei principali punti di forza del nostro sport, mettiamolo in atto sia in campo sia fuori dal campo, se ci accorgiamo che qualcuno viene bullizzato o sta subendo pressioni o prepotenze, avvisiamo subito il coach, i dirigenti oppure i genitori, anche questo vuol dire sostegno al compagno.
 
Gruppo e solidarietà
Bisogna essere certi che nelle attività di gruppo non ci sia mai nessuno escluso, anzi dobbiamo sempre controllare che siano tutti coinvolti.
Torna ai contenuti